Basket

Basket, Regione e FIP hanno firmato il protocollo per assicurare la partenza dei campionati siciliani

Oggi all'Assessorato alla Salute siglata la convenzione tra il comitato regionale Sicilia della FIP e la Regione Siciliana

Redazione
11.02.2021 16:15

Siglata una convenzione tra il comitato regionale Sicilia della FIP e la Regione Siciliana per il protocollo anti contagio Covid-19 nelle competizioni regionali. 

La riunione operativa si è svolta nei locali dell’assessorato regionale alla Salute, alla presenza dell’assessore al Territorio e ambiente della regione siciliana Avv. Salvatore Cordaro e del dott. Mario Conte consulente del Presidente Correnti. Le firme che hanno sancito l'accordo sono quelle dell’assessore Avv. Ruggero Razza e del Presidente del comitato regionale Sicilia della Federazione Italiana Pallacanestro dott.ssa Cristina Correnti. Nella convenzione è specificato il protocollo per la prevenzione e contenimento del rischio da contagio da Covid-19 tramite l’uso di test rapidi su card per la rilevazione qualitativa di antigeni specifici per Sars-Cov-2 da tamponi rinofaringei in occasione delle competizioni sportive dilettantistiche organizzate dal Comitato Regionale.


Il protocollo prevede che l’Assessorato della Salute per il tramite dei Dipartimenti di Prevenzione e degli uffici Commissariali delle Aziende Sanitarie Provinciali competenti in sede locale – sottoponga al controllo del  tampone rapido antigenico gli atleti i tecnici i dirigenti oltre gli arbitri, Udc e osservatori tesserati alla Federazione Italiana Pallacanestro e impiegati durante le competizioni sportive di preminente interesse nazionale.


Saranno, i competenti Uffici delle AA.SS.PP.  che individuano le strutture dedicate (drive-in) e il personale sanitario preposto allo svolgimento della predetta attività. Il Comitato regionale, in virtù del calendario di gara stilato per ciascun campionato sportivo, comunicherà all’A.S.P.territoriale, nei sette giorni precedenti ogni competizione sportiva, l’elenco dei tesserati per i quali è richiesta l’esecuzione del tampone rapido antigenico. 
Il referente di ciascuna A.S.P. individua il giorno dedicato e il luogo, presso ciascun capoluogo di provincia, in cui effettuare tale attività di screening, da svolgersi in ogni caso nelle 48 ore precedenti la data della competizione sportiva per la quale l’indagine mediante tampone rapido antigenico è effettuata.
Il Protocollo prevede che l’attività di screening sia svolta – in luogo del personale medico dell’A.S.P. di riferimento – dal medico sociale operante presso ciascuna squadra sportiva. In tal caso, è interamente a carico delle A.S.P. territoriali la consegna dei tamponi rapidi antigienici e dei D.P.I. al personale medico e sanitario coinvolto nella iniziativa. Il Referente di ciascuna squadra dovrà recarsi, prima dell’inizio della iniziativa, presso il Dipartimento di Prevenzione competente per il ritiro dei tamponi.
“Desidero ringraziare gli assessori Avv. Razza e l’Avv. Cordaro e i relativi staff, afferma il presidente Cristina Correnti, per la sensibilità dimostrata nei confronti del movimento cestistico siciliano permettendogli una ripartenza in maggiore  sicurezza nell’ottica di sempre maggiore collaborazione tra il mondo del basket e quello delle massime istituzioni regionali.”

Eccellenza ripartire a marzo, ma a quale prezzo? La responsabilità di presidenti e medici
Il Sant'Agata fa ricorso per la multa da € 3.000,00, il T.M. Amata spiega cosa è accaduto