Atri Sport

Sicilia da gialla a rossa: il calcio regionale dovrà ancora aspettate

Entro questa giornata è atteso un cambio di colore per la nostra Regione. In caso di passaggio al rosso, impossibile una ripartenza del calcio dilettantistico regionale

Redazione
08.01.2021 12:03

Niente calcio, niente sport di squadra, ne palestre, almeno per tutto il mese di gennaio. Chi aspettava con ansia venerdì prossimo, già da ieri sera ha cominciato a vedere “rosso”, pardon: ad avere i primi dubbi. C'è infatti la possibilità che la Sicilia tra poche ore effettui un doppio salto in avanti: da gialla a rossa. Questo perché secondo il Cts siciliano, la fascia arancione non sarebbe in grado di proteggere abbastanza la popolazione dal virus.

“Dovremo adottare misure restrittive e lo faremo dopo una riflessione assai approfondita, nella giornata di domani (oggi n.d.r.)”. Ha detto ieri sera il presidente della Regione Nello Musumeci, che ha anche aggiunto: “Ci confronteremo con Roma, dobbiamo necessariamente correre ai ripari. È un peccato perché di fronte alla campagna di vaccini che ci vede ai primi posti in Italia dobbiamo registrare un’impennata di contagi che rischia di mettere tutto in discussione”.

A tal proposito dovrebbe essere chiarificatrice la conferenza stampa che il ministro della salute Speranza ha in programma per questa sera. 

Ritornando al calcio regionale, il primo a pronunciarsi in queste ore è stato il presidente del Comitato Regionale toscano della LND Paolo Mangini, che ha di fatto prolungato lo stop: “Oggi le condizioni di sicurezza per giocare non ci sono. È chiaro che auspico che si ricominci, altrimenti non farei il presidente della LND, ma il mio timore è legato alle condizioni sanitarie, che spero possano migliorare prima possibile”.

Niente certezze, niente programmi, con il Covid non si può giocare: ne va della nostra vita!

 

Mimmo Giampà è il nuovo allenatore del Sant'Agata. Tesserato anche Mbaye
Gli arbitri della 11^ giornata. San Luca - Sant'Agata a Robilotta