Stefano Spirito Pres. Torrenova
Basket

Un miracolo chiamato Torrenova

Una striscia positiva di cinque giornate: la Fidelia Torrenova sta vivendo un momento da sogno, solo i più ottimisti tifosi avrebbero potuto sognare e sperare i superbi risultati ottenuti dai ragazzi di coach Bartocci

11.03.2022 17:08

La società di Via Pertini, tramite importanti sacrifici, è riuscita la scorsa stagione a confermare il titolo di serie B ed ha ottenuto in quella attuale 14 vittorie in 21 gare giocate. Costellata da tante vittorie, dunque, la stagione della Cestistica, inserita in un momento storico ed economico complicato come questo, vive forse il maggiore lustro dalla “breve” storia sportiva di questa società.

Ne abbiamo parlato con il presidente Stefano Spirito, che ha fatto un bilancio in vista degli ultimi mesi di campionato: «Siamo certamente soddisfatti dei risultati sportivi ottenuti finora, oltre le nostre previsioni iniziali, che ci dicono che siamo ad un passo dal raggiungimento matematico dell’obiettivo principale: la salvezza. Ritengo molto importante la trasferta di Avellino, che potrebbe rappresentare un passo decisivo per la permanenza in serie B, ma la nostra squadra, guidata magistralmente da Coach Bartocci, fortemente confermato dalla società ad inizio stagione, ha dimostrato di poter fare risultato ovunque e contro chiunque».

Torrenova si affaccia dunque alle ultime gare di Regular Season con un bottino incredibilmente positivo, ma il “numero 1” delle Aquile non dimentica certamente la storia di questa società: «Non posso che essere orgoglioso di tutto quello che la Cestistica ha realizzato in pochi anni. Abbiamo bruciato le tappe ed oggi siamo il paese più piccolo in Italia, conosciuto e apprezzato, presente da ormai tre stagioni nel terzo campionato nazionale di pallacanestro. Un ringraziamento particolare va al nostro Comune e al Sindaco Salvatore Castrovinci, da sempre appassionato e vicino alla nostra società. Credo che la Cestistica Torrenovese debba essere motivo di orgoglio per tutti i Torrenovesi, in quanto valore della comunità nonché punto di riferimento per l’hinterland. Altrettanto fondamentali in questa realtà sono i tifosi, anima e sesto uomo della squadra, ed i nostri partner commerciali, nostra linfa vitale e benzina, senza la quale lo spettacolo non potrebbe andare in scena. Il loro contributo ci ha permesso di compiere più di un miracolo sportivo e ci stanno sostenendo anche in questa complicata ma sin qui avvincente stagione. La riapertura dei palazzetti al pubblico, poi, ha finalmente riportato al Pala LuxorBuilding il cuore pulsante della Cestistica, rappresentato dai tantissimi appassionati e calorosi tifosi con cui abbiamo condiviso e tuttora condividiamo emozioni incredibili. Li ringrazierò sempre per la forza ed energia che trasmettono a tutto l’ambiente e soprattutto ai nostri ragazzi in campo durante le partite».

Infine un’analisi del contesto in cui Torrenova vive la stagione sportiva più importante della sua storia: «Viviamo un periodo storico difficile e trovare nuova “benzina” è veramente molto complicato ma essere riusciti ancora una volta a partecipare al campionato di Serie B è per noi grande motivo di orgoglio. Poter dare visibilità massima ai nostri partner, inoltre, collima con la volontà di rendere sempre più grande la visione e la percezione della società nei tifosi e negli addetti ai lavori che seguono Torrenova. Speriamo che il brand cresca ancora, perché come società non vogliamo smettere di sognare».

Domenica a tutto derby
Sant'Agata immensa: batte il Licata e conquista la salvezza