Atri Sport

Sport regionale, impossibile ipotizzare oggi una ripartenza

Con la proroga al 30 aprile dello stato di emergenza e con il nuovo Dpcm che sarà in vigore fino al 15 febbraio, la ripresa dei campionati si allontana nuovamente

Redazione
14.01.2021 10:24

Sport dilettantistico regionale, niente da fare. La proroga dello stato di emergenza al 30 aprile, con il nuovo il nuovo decreto che conferma, fino al 15 febbraio 2021, il divieto già in vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, potrebbe essere la pietra tombale della stagione calcistica per i dilettanti. Eccezion fatta per la Serie D.

Come riportato questa mattina da “Il Sole 24 Ore”: “Nelle prossime ore inoltre mezza Italia potrebbe finire da domenica prossima nelle due liste alte di restrizioni. Lombardia, Sicilia ed Emilia Romagna (attualmente arancioni), sarebbero vicine alla zona rossa (più probabile il primo caso; rischiano le altre due), mentre 9 regioni si sposterebbero dalla gialla all’arancione. Le ordinanze del ministro della Salute arriverebbero dopo la pubblicazione del nuovo report Iss, venerdì 15 gennaio, e le nuove classificazioni diventerebbero operative dal 17 (per sabato 16 l'ipotesi prevalente è che resti valida l'attuale colorazione)”.

Stando così le cose ed in base a quanto dichiarato dal ministro della Salute Speranza nell'intervento di ieri alla Camera: “Ora l’epidemia è nuovamente in una fase espansiva. Il Covid ha mesi contati, ma non siamo ancora fuori pericolo, prossimi mesi saranno molto difficili”, al momento, è quasi impossibile ipotizzare la ripresa dello sport dilettantistico.  

Poiché, come abbiamo più volte detto in precedenza: la partita più importante da vincere in questo momento, è quella della vita!

Sant'Agata potrebbe arrivare Riccardo Cassaro
Domenica quattro gare rinviate, possibile un nuovo stop per allineare la classifica